La Ronda. Sindacati in assemblea lavoratori: malumori ma pericolo scampato

Si apre un capitolo per l’istituto di vigilanza La Ronda di Potenza, dopo i mesi di trattativa acquisito dalla campana Cosmopol e salvato dal fallimento.

I sindacati di categoria CGIL, CISL e UIL hanno incontrato i lavoratori in assemblea per comunicare ufficialmente i termini dell’accordo sottoscritto la scorsa settimana presso il Ministero dello Sviluppo Economico, nel quale si è tirato un sospiro di sollievo per il salvataggio dei 274 posti di lavoro e sono state accolte le istanze sul contratto contenente il piano di riorganizzazione aziendale.

Nonostante i malumori rispetto al mancato conferimento di tutti gli scatti d’anzianità maturati dalle unità in organico over 50, è emersa la soddisfazione per il proseguimento dell’attività. In primo piano: evitati gli effetti del Jobs Act, applicazione dell’articolo 18 e premialità a tutti i lavoratori. Una ventina di essi avrebbe già avanzato l’ipotesi di accettare l’incentivo all’esodo. Secondo i sindacati, la contrattazione di secondo livello prevista a giugno 2017 poterà nuovi effetti positivi.

Share Button