Sciopero trasporto su gomma in Basilicata, lavoratori senza stipendio

Sono circa un migliaio gli autoferrotranvieri affiliati al Consorzio Trasporti Aziende Basilicata, sul piede di guerra a causa delle mancate retribuzioni di settembre e con molta probabilità anche di ottobre.

Mancano i trasferimenti regionali di quest’anno con conseguente ricaduta sugli stipendi. “Una situazione – hanno sollevato i sindacati di categoria Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uilt-Uil – che tocca anche Trenitalia e Fal che, però, riescono ancora a pagare i lavoratori”.

In ballo ci sono 110 milioni di euro. E’ all’incirca – fanno rilevare – quanto già previsto nel bilancio di previsione della Regione Basilicata per l’anno 2016 per fare fronte ai contratti di servizio.

Senza entrare nel merito della discussione sul nuovo Piano dei Trasporti, secondo UILtrasporti e UIL Basilicata, stride la volontà annunciata dall’assessore lucano ai Trasporti, Benedetto, di destinare la stessa cifra per la realizzazione di un sistema multimodale di merci e passeggeri per collegare il territorio alle direttrici nazionali ed europee.
Negli ultimi giorni da Viale Verrastro è giunta una boccata d’ossigeno ma non basta. Rimandato a data da destinarsi anche il faccia a faccia con l’assessore.

Pensiamo al presente degli spostamenti su gomma, fondamentali nel due province – hanno rimarcato i lavoratori – piuttosto che ai grandi proclami.

Share Button