Il presidente Emiliano al Forum Eurasiatico di Verona “l’arte dell’innovazione”

Il presidente pugliese è intervenuto alla VII sessione dedicata al tema della “Cooperazione interregionale come motore di sviluppo”, insieme con Flavio Tosi, Sindaco di Verona, Sergey Cheremin, Ministro del Governo di Mosca, Andrey Nikitin, Direttore generale dell’Agenzia per le iniziative strategiche, Damir Fattahov, Primo Vice Direttore del Comitato esecutivo di Kazan, Giovanni Toti, presidente della Regione Liguria e Enzo Bianco, Sindaco di Catania e Presidente della delegazione italiana del Comitato delle Regioni dell’Unione Europea.

Emiliano a Verona con Flavio Tosi

Emiliano a Verona con Flavio Tosi

Emiliano nel corso del suo intervento ha raccontato la lunga storia dei rapporti di amicizia con la federazione Russa, all’insegna anche del rapporto religioso con San Nicola e la Chiesa Ortodossa.

Il presidente pugliese ha toccato anche i temi di stretta attualità, ricordando come le paventate sanzioni alla Russia, nel nuovo clima di freddezza con gli Stati Uniti, finirebbero per danneggiare più l’Europa e l’Italia in particolare di quanto non farebbero con il paese Asiatico. Soddisfazione espressa, non solo da Emiliano per la decisione del Consiglio Europeo di eliminare ogni riferimento a possibili sanzioni alla Russia per i raid in Siria e in particolare per le parole di Renzi (“Non ha senso parlare di sazioni alla Russia”).

In chiusura poi il governatore pugliese rispondendo a una domanda ha evidenziato il ruolo delle infrastrutture di comunicazione della Regione, dai quattro aeroporti fino alla rilevanza dei porti di Bari e Taranto, quest’ultimo ancor più strategico alla luce del “declino” dell’Ilva dal punto di vista industriale e che collegato all’aeroporto di Grottaglie può rappresentare una straordinaria risorsa economica e sostenibile per l’ambiente.

Share Button