Opentaranto, Ance: “Lungimiranza per ridisegnare la città”

 

Gli edili sul concorso per la città vecchia di Taranto: “Ridisegnare l’isola è un’occasione irripetibile per cambiare davvero la città”. Lo afferma Paolo Campagna, presidente di Ance Taranto, il quale invita “in occasione della presentazione delle proposte per la riqualificazione del cuore storico del capoluogo ionico – in scadenza il prossimo 16 novembre – a pensare a cosa potrebbe accadere in futuro”.

Dopo la selezione da parte di Invitalia dei 20 gruppi candidati alla presentazione della propria proposta, il concorso di idee procederà con valutazione degli elaborati a cura di una Commissione di elevato profilo tecnico-scientifico ed istituzionale. Ma per Ance Taranto è anche l’inizio di una “fase due”, di ragionamento e di confronto per mettere a frutto e valorizzare, idee e capacità di azione degli attori locali». Per Ance, infatti, bisogna evitare passi falsi. E fissare due punti cruciali. “Il primo, di metodo, per utilizzare il passaggio amministrativo in Comune, che dovrà far sintesi delle proposte vincitrici ed esprimere il suo assenso al piano degli interventi da candidare al Cipe per il finanziamento”. “La seconda questione, invece, riguarda la capacità di far tesoro di un così ampio panorama di risorse, di competenze e di sguardi sulla Città Vecchia”.

L’auspicio, insomma, è quello di una “visione lunga” per la città, conclude Campagna: “Per questo il concorso non deve rimanere confinato in faldoni e armadi, ma diventare l’innesco per liberare le energie di cui è ricca Taranto”.

Share Button