Futuro della Basilicata. Parti datoriali e sindacati condividono riprogrammazione card benzina

Definire le linee guida per il futuro della Basilicata. Questo il tema dell’incontro convocato in Regione dal governatore Pittella ed al quale hanno partecipato le parti datoriali e sindacali. L’urgenza è stata quella di trovare finalmente una sintesi e definire l’agenda dei prossimi anni attraverso un cronoprogramma ben definito. Sul fronte dei confederati CGIL, CISL e UIL, ribaditi i temi già avanzati lo scorso aprile con la Marcia per il lavoro. A seguire, l’emigrazione lucana compensata dai richiedenti asilo ospitasti sul territorio, le grandi sfide sulla scia di Matera 2019 e l’export produttivo italiano che guarda con vigore alla SATA di Melfi.

Il primo risultato è stata la condivisione di un documento della Giunta regionale con il quale si ripartiscono le risorse derivanti dalla riprogrammazione della card benzina per un totale di circa 200 mln di euro nel triennio 2017 – 2019. La ripartizione toccherà le misure di coesione, fra cui il reddito minimo d’inserimento e le misure di sviluppo. Passo in avanti importante, da offrire ad un territorio alla continua ricerca di risposte.

Share Button