Internazionalizzazione, la Regione Puglia stringe accordo con Sace e Simest per aiutare le imprese

Solo un’impresa pugliese su 1000 investe all’estero, spesso per la scarsa conoscenza degli strumenti a supporto dell’internazionalizzazione. Per questo la Regione Puglia ha stretto un accordo con Sace e Simest, le società di assicurazione crediti di Cassa depositi e prestiti, per aiutare le aziende pugliesi a varcare i confini

In Puglia solo un’impresa su 1000 è attiva sul mercato estero, e delle aziende italiane presenti oltre confine solo una su 100 è pugliese. Coincidenze numeriche a parte, i dati certificano come il sistema imprenditoriale regionale abbia ampi margini di miglioramento sulle performance in termini di export, magari grazie anche a un maggiore supporto in termini di assicurazione sugli investimenti. Per questo la Regione Puglia ha deciso di rafforzare il proprio rapporto con Sace e Simest, le società del gruppo Cassa Depositi e Prestiti che si occupano di prodotti e servizi assicurativi per le imprese che vogliono puntare su un’espansione all’estero, per far conoscere alle aziende gli strumenti che possono essere messi a disposizione.

Per Sace e Simest, che da tempo ormai lavorano in tandem, questo è il primo accordo organico con un’amministrazione regionale in Italia.

Share Button