Taranto. All’Ilva terminate le elezioni delle rappresentanze sindacali, Uilm primo sindacato

Si sono concluse ieri sera nello stabilimento Ilva di Taranto le elezioni delle Rsu (rappresentanti sindacali unitari) e degli Rls (rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza).

Primo sindacato la Uilm con il 45% delle preferenze, seconda la Fim Cisl con il 23%, poi Usb 17% e Fiom Cgil 14%. Le votazioni sono durate tre giorni per eleggere 81 delegati, 61 dei quali in rappresentanza degli operai.

Rocco Palombella, segretario generale della Uilm, commenta in una nota il successo elettorale dell’organizzazione, di cui e’ alla guida dal 2010, nel rinnovo delle elezioni Rsu all’Ilva di Taranto: “Un risultato di rilievo che dimostra il rapporto strutturale dei lavoratori con la loro fabbrica e che rappresenta come possano coesistere occupazione, produzione e risanamento ambientale. Grazie ai lavoratori a chi ci ha votato e sostenuto, ma soprattutto a quel competente gruppo dirigente che a livello locale mantiene al più alto livello i valori del nostro sindacato. La Uilm continuerà a rappresentare gli interessi di chi all’Ilva di Taranto ci lavora e vuol continuare a farlo. E’ bene pero’ che il gruppo sia gestito al più presto da imprenditori che conoscano la siderurgia e che possano mettere l’azienda in condizioni di affrontare degnamente i mercati internazionali”.

In linea con Rocco Palombella il commento di Antonio Talò, segretario della Uilm nella provincia ionica. “Ha perso queste elezioni chi ha predicato lo sfascio” dichiara “ed ora è bene che se ne faccia una ragione. La Uilm ha vinto perché è con i lavoratori che difendono la fabbrica e che chiedono di salvaguardare sicurezza, ambiente e lavoro”. (ANSA).

Share Button