Docenti: 500 i ricorsi solo in Puglia

Più di 500 i ricorsi che l’Ufficio scolastico regionale di Bari dovrà gestire, presentati da altrettanti docenti che contestano i trasferimenti. Il bilancio si è avuto durante la videoconferenza con il ministero dell’Istruzione. Di questi 500 ricorsi, 300 sono quelli nazionali e 200 quelli regionali, ma tutti riguardano la Puglia. Un bilancio non ancora definitivo, se si tiene conto che la scadenza per presentare i ricorsi per le scuole superiori è stata fissata solo alla prossima settimana. Si tratta di una situazione delicata, che però dovrà essere risolta in poco tempo, se si considera che tra 20 giorni suonerà la prima campanella del nuovo anno scolastico. L’Ufficio scolastico regionale di Bari ha dichiarato che il lavoro inizierà dai ricorsi intra-regionali, cioè quelli di chi contesta un trasferimento all’interno della stessa regione, per poi proseguire con gli altri. Intanto però continuano le proteste dei docenti allo scopo di tenere alta l’attenzione delle istituzioni sul dramma che ha colpito numerose famiglie, costrette a sconvolgere completamente la propria vita dopo anni di meritato lavoro.

Share Button