A Bari il primo forum nazionale sulla Portualità e Logistica. Delrio: fare opere in tempi e con costi giusti

BARI – In occasione del “1° Forum Nazionale sulla Portualità e la Logistica” svoltosi oggi a Bari, alla presenza del Ministro Delrio e dei principali interlocutori tra istituzioni e operatori del settore è emerso un messaggio chiave: il pacchetto di riforme del Piano Nazionale Strategico della Portualità e della Logistica promosso dal Ministro sta rafforzando la competitività del sistema portuale e logistico italiano.

Oltre al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, stamattina sono intervenuti: Antonio Cancian e Francesco Benevolo, rispettivamente presidente e direttore operativo di Rete Autostrade Mediterranee S.p.A. (RAM), Maurizio Gentile, amministratore delegato di Rete Ferroviaria Italiana del Gruppo FS, Il direttore dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Giuseppe Peleggi, il professor Stefano Zunarelli, esperto della Struttura tecnica di Missione del Ministero e l’On. Silvia Velo, Sottosegretario all’Ambiente, intervenuta con un videomessaggio.

Per il ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture occorre “individuare le opere che servono, siano grandi o piccole non importa, e poi farle nei tempi giusti e con i costi giusti. Questo è quello che ci siamo proposti riformando il codice degli appalti”.

Delrio a BariPer Delrio occorre “lavorare sui progetti realmente utili per far viaggiare l’economia, le merci, e favorire le industrie. Quindi bisogna pensarsi come un pezzo della rete”. “E’ chiaro – ha concluso – che a volte basta fare 500 metri di linea ferroviaria per far cambiare la storia di una banchina. Così come qui a Bari bisogna programmare la camionale per impedire che il tema del traffico limiti i traffici in uscita”.

Rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano se in Puglia “avremo una unica Autorità di sistema a differenza delle due attuali Autorità portuali proposte, a Bari e Taranto” il ministro ha aggiunto “Continuo a stimolare il mio amico Antonio Decaro e i futuri amministratori” ha aggiunto il ministro “a perseguire questo obiettivo perché sono convinto che la Puglia sarà più forte se ci sarà una unica Autorità di sistema”.

“Intanto” ha sottolineato “si comincerà a lavorare insieme. Presto ci vedremo e ragioneremo perché ho presentato in Europa un’unica area logistica integrata pugliese. Quindi bisogna che si ragioni insieme a prescindere dal fatto che ci siano due leggeri consigli di amministrazione”.

Share Button