Vertenza Datacontact, Ugl: preoccupati anche per gli altri 900 lavoratori e collaboratori

Vertenza Datacontact“A seguito di un incontro svoltosi oggi tra la società Datacontact, i sindacati e le rsa, si è appreso che dal 1° aprile prossimo ci sono criticità non solo per i 390 lavoratori interessati dalla vertenza ad oggi nelle mani del Mise, ma anche per i restanti 900 dipendenti e collaboratori che continueranno a prestare servizio”. Lo dichiarano, in una nota, il segretario provinciale dell’Ugl Matera, Giordano, che, unitamente al segretario di federazione provinciale terziario, Filotico, e le RSA Ugl, Clemente e Mele hanno preso parte all’incontro. “Assistiamo a scelte non condivise e ambigue – spiegano i sindacalisti – in quanto la stessa Datacontact ha affermato che sia la Regione Basilicata, sia il Mise erano a conoscenza di un piano industriale alternativo presentato dalla stessa azienda che coinvolgeva una terza società già fornitore di Telecom. Il nostro auspicio – concludono i sindacalisti Ugl – è che dopo il prossimo incontro che si consumerà al Mise il 23 marzo prossimo, ci siano le condizioni di trattative sindacali per la salvaguardia di tutti i posti di lavoro e che la Regione Basilicata in questa vicenda mostri di essere più vicina alle realtà locali che si sentono ad oggi abbandonate”.

Share Button