Graziano Delrio a Bari per iniziativa de “Il Sole 24 Ore”. Ilva: “spero rimanga italiana”

Graziano Delrio a BariSeconda tappa dell’iniziativa “Viaggio nell’Italia che innova”, organizzata dal Sole 24 Ore in collaborazione con E&Y. A Bari, dopo l’evento di Bologna il ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, Graziano Delrio.

“Sarei felice se l’Ilva rimanesse italiana ma si vedranno le offerte e valuteremo le offerte migliori, quelle che garantiscono più sviluppo e più ripresa per l’occupazione da parte dell’Ilva”.

C’è stato tempo di rispondere ad alcune domande dei giornalisti in merito ai diversi temi dell’attualità, non solo locale come nel caso dell’azienda che ha un importante stabilimento anche a Taranto, “credo che in qualsiasi altro paese” ha aggiunto il ministro “non ci si vergognerebbe di dire che si mira a tenere l’Ilva italiana Francesi e tedeschi terrebbero la loro principale fabbrica siderurgica e questa è anche una mia ispirazione”.

Rispondendo ai giornalisti sulla proposta avanzata dal presidente della Puglia Emiliano di spostare l’approdo del gasdotto Tap dalle spiagge salentine di San Foca a Brindisi, Delrio ha detto che “Tap per noi è una infrastruttura importante peraltro la Commissione europea l’ha approvata in queste ore a dimostrazione che si tratta di una infrastruttura energetica a valenza europea”.

In merito ad una recente dichiarazione del capo del Governo, Delrio ha sottolineato che “il ponte sullo Stretto, lo valuteremo, affrontandolo però non come una priorità assoluta perché la priorità è mettere in sicurezza ponti, strade, occuparsi del dissesto, e così via. E’ un progetto che va visto per la sua concreta realizzabilità e utilità come tutti i progetti di questo paese”.