Consorzi di Bonifica, l’Anci Puglia chiede alla Regione di attivare un “tavolo tecnico”

Perrone (presidente Anci Puglia): intanto proponiamo la sospensione di 90 giorni dei pagamenti

Al centro, Luigi Perrone - presidente Anci Puglia

Al centro, Luigi Perrone – presidente Anci Puglia

L’Anci Puglia chiederà all’assessore regionale alle Politiche agricole, Leonardo Di Gioia, l’istituzione di un tavolo tecnico per affrontare le problematiche dei Consorzi di bonifica.

“Nel frattempo chiediamo e proponiamo una sospensione di 90 giorni dei pagamenti”, ha spiegato il presidente di Anci Puglia, Luigi Perrone, al termine dell’incontro convocato dall’associazione dei comuni pugliesi con il commissario straordinario unico per i Consorzi di bonifica, Gabriele Papa Pagliardini.

“I sindaci sono pronti a pagare le attività di bonifica e manutenzione solo a fronte di servizi certi, che ad oggi – ha aggiunto Perrone – non sono stati adeguatamente erogati. Serve quindi un tavolo tecnico dove confrontarsi e definire con esattezza la situazione”. Intanto in Consiglio regionale la IV Commissione presieduta da Donato Pentassuglia ha ricevuto una delegazione del Movimento ‘forconi di Puglia’, con il presidente Giuseppe Caponio. L’audizione chiesta dal consigliere regionale Ignazio Zullo (Cor) è servita come primo confronto in vista della imminente rinnovamento di tutta la materia che riguarda i Consorzi di bonifica. I forconi denunciano “il disservizio totale a fronte di tariffe di due euro a metro cubo di acqua per un ente che viaggia con 390 milioni di euro di deficit”. Il presidente della Commissione ha rassicurato i rappresentanti del movimento che “si discuterà anche con loro nel merito e nel corso del confronto saranno apprezzati suggerimenti e sollecitazioni, anche scritte, che contribuiranno alla realizzazione di una riforma utile quanto attesa”

Share Button