- trmtv - http://www.trmtv.it/home -

La “Rete del lavoro agricolo di qualità” contro il caporalato in Basilicata

Dal 1° settembre invio istanze telematiche Azioni positive di contrasto al caporalato e al lavoro nero in agricoltura

CaporalatoPOTENZA – Dal primo settembre sarà possibile presentare le istanze di adesione alla Rete del lavoro agricolo di qualità tramite un apposito servizio telematico reso disponibile dall’INPS.

Alla procedura si accede attraverso il sito www.inps.it (Servizi online _ Accedi ai servizi _ Per tipologia di utente _ Aziende, consulenti e professionisti _ Agricoltura: domanda di iscrizione alla rete del lavoro agricolo di qualità). Possono presentare richiesta di adesione alla Rete le imprese agricole in possesso dei seguenti requisiti:

Le domande saranno esaminate dalla Cabina di regia della “Rete del lavoro agricolo di qualità”, presieduta dall’Inps e composta da rappresentanti delle organizzazioni sindacali, delle organizzazioni professionali agricole, dei Ministeri delle Politiche agricole, del Lavoro e dell’Economia e della Conferenza delle Regioni e deliberate entro 30 gg. dalla data di presentazione dell’istanza.

In caso di esito positivo, le aziende selezionate entreranno a far parte della Rete e riceveranno il certificato che ne attesta la qualità.
L’avvio della Rete del lavoro agricolo di qualità è una prima concreta iniziativa finalizzata allo sviluppo di azioni positive di contrasto al caporalato ed al lavoro nero in agricoltura.

L’iniziativa si inquadra in uno specifico piano operativo che la Cabina di regia della Rete del lavoro agricolo di qualità, la cui presidenza è attribuita ad INPS, dovrà sviluppare nei prossimi 15 giorni, come richiesto dai Ministri Martina e Poletti nel corso dell’incontro tenutosi oggi presso il Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali per avviare un insieme coordinato ed efficace di azioni di contrasto al caporalato e alle altre forme di lavoro irregolare.

Share Button