Italia 2019. Lanzillotta (PD) chiede al governo di sbloccare la riprogrammazione dei Fondi Europei

Ecoc 2019ROMA – Il Governo, e in particolare il Ministero di beni culturali e turismo, “devono mantenere l’impegno a valorizzare il Programma Italia2019, sostenendo i progetti presentati dalle città italiane candidate alla Capitale Europea della Cultura, impegno contenuto in una norma specifica nel Decreto Cultura (maggio 2014)”.

Lo dice la vice Presidente del Senato Linda Lanzillotta (Pd) che sottolinea: “Per realizzare questo obiettivo occorre sbloccare le risorse della riprogrammazione dei Fondi Europei 2014-2020”.

Lanzillotta ha promosso per questo una riunione di lavoro insieme alle senatrici Angelica Saggese e Valeria Cardinali, al segretario generale del Cidac, Associazione delle Città d’Arte e Cultura, Ledo Prato e ai sindaci e agli assessori di alcune delle città aderenti alla rete Italia2019.

Tra queste: Matera, Siena, Ravenna, Lecce, Cagliari, Perugia, Mantova, Siracusa, Caserta, Reggio Calabria, Bergamo, Venezia e Napoli.

“E’ stata confermata l’importanza del Programma Italia 2019 – spiega la vice presidente del Senato- che tende a valorizzare tutto il patrimonio di progettualità già predisposto dalle città che hanno partecipato lo scorso anno alla selezione. E’ dalle città, dalla cultura e dal turismo che può ripartire lo sviluppo economico del Paese, dunque è essenziale sostenere questo Programma che è già pronto e aspetta solo di essere attuato e potrebbe determinare in poco tempo nuova occupazione. Per questo – conclude – si chiede al Governo di sbloccare, sia sul piano burocratico che su quello finanziario, ciò che la legge, con il Decreto Cultura e con Destinazione Italia, già prevede”.

Share Button