Nasce la Fai Cisl di Puglia e Basilicata. Lapadula segretario aggiunto

FAI CISLSi è costituita oggi a Potenza la Fai Cisl interregionale di Puglia e Basilicata. Il segretario generale della Fai Puglia, Paolo Frascella, è stato eletto segretario generale della nuova federazione, mentre il lucano Antonio Lapadula sarà segretario generale aggiunto.

In segreteria entrano Pasquale Fiore e Antonio Castelluccio. Con la costituzione della Fai Cisl interregionale – categoria che conta nelle due regioni ben 26 mila iscritti tra agricoltura, industria alimentare, ambiente e forestazione – va a posto un altro importante tassello del processo di riorganizzazione territoriale e di razionalizzazione intrapreso dalla Cisl sotto la guida di Raffaele Bonanni; ma le riforme in casa Fai non finiscono qui: a fine ottobre, infatti, si celebrerà il congresso nazionale costitutivo della Fai Filca e a seguire i congressi straordinari territoriali della nuova federazione agroalimentare e delle costruzioni. Uno sforzo organizzativo di grande portata che mira a rafforzare la rappresentanza sulla cosiddetta prima linea razionalizzando le strutture e riducendo i costi.

“Oggi non celebriamo un freddo rito organizzativo – ha detto Frascella nel corso del suo intervento – ma realizziamo un grande momento di democrazia e partecipazione; la sfida è dare più valore al lavoro valorizzando le persone che lavorano”. Lapadula ha detto che “la Fai Cisl diventa più grande per tutelare meglio le persone che rappresentiamo dentro il più generale programma di riorganizzazione verticale e orizzontale della Cisl; ora abbiamo molte terre da arare e il raccolto dipenderà da come semineremo”.

La politica agricola comunitaria è il primo terreno su cui sarà chiamata a misurarsi la nuova federazione interregionale. “In Puglia nel nuovo piano di sviluppo rurale – ha evidenziato Frascella – siamo riusciti a rovesciare la logica del passato passando da un sistema orientato alla spesa ad uno orientato gli obiettivi”. Anche per Lapadula “il piano di sviluppo rurale 2014-2020 approvato a tempo di record dalla giunta regionale è una grande opportunità per mettere in filiera agricoltura e industria di trasformazione; proprio per questo abbiamo proposto la creazione di un tavolo regionale permanente che coinvolga le principali industrie alimentari che operano in Basilicata”.

Ai lavori erano presenti il segretario nazionale della Fai Cisl, Stefano Faiotto (che ha coordinato i lavori), il segretario generale della Cisl Puglia Basilicata, Giulio Colecchia, e il segretario generale aggiunto della Cisl Puglia Basilicata, Nino Falotico.

Share Button