Cisl Basilicata sul mancato accredito bonus idrocarburi

Bonus IdrocarburiPOTENZA – All’inizio del 2013 l’ADICONSUM di Potenza – Associazione Difesa Consumatori e Ambiente promossa dalla CISL, attraverso il suo Presidente provinciale, avv. Vincenzo Telesca, è stata investita della problematica relativa alla mancata erogazione ad un cospicuo numero di aventi diritto, del c.d. Bonus idrocarburi e più specificatamente del mancato accredito del previsto importo di €. 140,21.

Secondo previsione l’erogazione del suddetto importo è iniziata nello scorso mese di Gennaio e si sarebbe dovuta concludere entro il 7 Febbraio 2013. Dopo le prime segnalazioni si è compreso che non si trattava di casi isolati, bensì di una situazione che purtroppo vedeva coinvolti moltissimi cittadini-consumatori lucani.

Secondo CISL Basilicata “Gli stessi in questi mesi proprio al fine della risoluzione di questa incresciosa situazione, hanno letteralmente tempestato di chiamate il centralino della Ns sede provinciale o si sono rivolti personalmente ai Ns Sportelli”.

Cisl Basilicata prosegue la nota, comunica che “A seguito delle tante segnalazioni pervenute, abbiamo avuto modo di costatare che prima di rivolgersi allo Sportello Adiconsum di Potenza ed ai Ns Sportelli Territoriali, i cittadini interessati, hanno non solo utilizzato il numero verde specificamente individuabile sul sito di Poste Italiane spa, il più delle volte senza riuscire a parlare con un operatore, ma si sono altresì recati presso gli uffici postali di Potenza e provincia, dove però non solo spesso non hanno ricevuto precise spiegazioni sulle ragioni del mancato accredito del bonus idrocarburi ma, in molti casi hanno ricevuto indicazioni imprecise e soprattutto non univoche. Nella maggior parte dei casi i cittadini che si sono rivolti ai Ns Sportelli, hanno inviato la propria segnalazione all’indirizzo mail messo a disposizione dal Ministero(bonus.idrocarburi@mise.gov.it) chiedendo delucidazioni in ordine alla questione de quo, senza ricevere alcun riscontro”.

Nonostante quanto sopra esposto e benchè in questi mesi il MISE abbia ribadito agli Utenti che comunque la gestione della carta idrocarburi è effettuata da Poste Italiane spa e che le informazioni su cambi di residenza, smarrimenti carta, PIN o eventuali segnalazioni attinenti la mancata funzionalità della carta, devono essere direttamente rivolte alla società Poste Italiane spa, ad oggi solo una minima parte delle segnalazioni di ADICONSUM sono state evase ed oltre 300 persone attendono ancora oggi di ricevere l’importo di €. 140,21 previsto per il secondo accreddito del bonus idrocarburi.

Tale situazione ha spinto l’Adiconsum Provinciale di Potenza, nella persona del suo Presidente provinciale, avv. Vincenzo Telesca, ad interessare della vicenda la CISL di Basilicata ed il suo Segretario Generale, Nino Falotico.

Unitamente al Segretario Generale della CISL di Basilicata, Nino Falotico è stato deciso il coinvolgimento dell’Adiconsum Nazionale ed a partire dal mese di Giugno, continue sono state le interlocuzioni e le trattative attivate sia con il MISE che con i vertici di Poste Italiane spa con l’obbiettivo di ottenere l’istituzione di un tavolo di conciliazione unitario (Adiconsum Nazionale-Mise-Poste Italiane) al fine di ricercare una soluzione definitiva della questione.

Share Button