La Regione raddoppia fondi per ASI Potenza. Pittella: abbattere massa debitoria per rilanciare

Il vicepresidente Marcello Pittella

Il vicepresidente Marcello Pittella

POTENZA – Su proposta dell’assessore alle Attività produttive, Marcello Pittella, la Giunta regionale della Basilicata ha approvato un disegno di legge “che prevede l’incremento del fondo destinato al Consorzio per lo sviluppo industriale della provincia di Potenza, aumentando la cifra annuale da uno a due milioni di euro per gli anni 2013, 2014 e 2015”.

Lo ha reso noto l’ufficio stampa. “Con il raddoppio del finanziamento – ha spiegato Pittella – mettiamo il Consorzio industriale nelle condizioni di abbattere la massa debitoria che ha accumulato nel corso degli anni, in un disegno di risanamento, di razionalizzazione e di rilancio peraltro già avviato, che consentirà all’Ente di riprendere un percorso di sviluppo economico da troppo tempo interrotto. L’operazione finanziaria – ha aggiunto l’assessore – così come la gestione oculata e responsabile dell’attuale Commissario, è finalizzata a rimuovere le attuali difficoltà e ad assicurare la continuità della fornitura di servizi indispensabili allo svolgimento delle attività produttive insediate nelle aree industriali della provincia di Potenza. La maggiore disponibilità economica consentirà inoltre il pagamento degli stipendi ai dipendenti e di abbattere il debito arretrato. Il fondo di due milioni di euro all’anno, sommato al contenimento della bolletta energetica consortile e all’avvio della operatività del nuovo modello di gestione delle aree, traghetterà il Consorzio verso il nuovo assetto che scaturirà dal processo di completamento della legge di riforma”.

Nel comunicato è anche sottolineato che, “accogliendo la richiesta dei sindacati”, Pittella ha annunciato che attiverà “un tavolo di concertazione con il Commissario dell’Asi e le organizzazioni sindacali per affrontare tutte le problematiche connesse al Consorzio, con lo stesso spirito di collaborazione e condivisione degli intenti che già in passato ha portato a positive intese”.

Share Button