I sindaci di alta e bassa Val d’Agri: ridiscutere ripartizione royalties altrimenti si va al TAR

Schermata 2013-08-23 alle 22.10.21SPINOSO – Concordare forme di protesta comuni con il principio imprescindibile della ripartizione delle royalties in Basilicata.

È quanto dichiarato a gran voce dai sindaci dell’alta e bassa Val d’Agri, riuniti quest’oggi a Spinoso, con in testa il sindaco Pasquale De Luise, insieme ad altri amministratori interessati al tema e che convivono con la questione estrazione petrolifera e gas ricadente nelle loro aree.

La richiesta va direttamente alla Regione Basilicata, a cui chiedere una nuova ripartizione delle royalties e fin’ora confortata dalle sole entrate del petrolio per risolvere tutti i problemi territoriali.

Una problematica a cui assolvere – con il suo carico di impatto ambientale e ricadute occupazionali – prima delle elezioni di novembre, pena la messa in atto di provvedimenti anche clamorosi quale il ricorso al Tar.

Hanno preso parte all’incontro, tenutosi presso l’affollata Sala Giovanni Paolo II, gli amministratori dei comuni di San Chirico Raparo, Missanello, Paterno, Sarconi, Sant’Arcangelo, Tramutola, Grumento Nova, Roccanova, Gallicchio e San Martino d’Agri. Inoltre, vi hanno preso parte gli amministratori di Pisticci, Tito e Laurenzana, oltre al capogruppo d’opposizione al Comune di Viggiano.

Share Button