Colobraro, continua “Sogno di una notte…a quel paese”

sogno_-9704_correttaCOLOBRARO – In Basilicata per fortuna c’è qualcuno che riesce a trasformare il suo punto debole in un punto di forza, anzi in un’attrazione turistica.

Accade a Colobraro, piccolo paese della provincia di Matera perseguitato dalla brutta nomea di portare male tanto da diventare il paese “innominabile”.

La comunità di appena 1500 anime, ha imparato a convivere e giocare con questa credenza, una sorta di “riscatto morale” dopo decenni di corna e gesti contro la malasorte, attraverso l’evento “Sogno di una notte…a quel paese”. Si tratta di uno spettacolo itinerante per le vie del centro storico , in programma ogni martedì e venerdì d’agosto. L’inizio è alle ore 19.00, con il primo spettacolo, e si prosegue fino alle 23.00 con l’ultima rappresentazione.

Al termine del “viaggio”, tra “affascini e monachicchi”, tra storie, voci , suoni e danze che rileggono e raccontano di un passato non molto lontano, se non sarà successo qualcosa di imprevisto, si potranno degustare i piatti tipici della cucina tradizionale colobrarese. Ritrovo, come di consueto, al punto di informazione e accoglienza in Viale Vittorio Veneto.

Un evento che desta curiosità tra magia e riti, “pretesto” per ammirare ed assaporare quello che realmente ha di magico e fantastico Colobraro: i panorami incantevoli, le bellezze naturalistiche ed architettoniche, l’ospitalità e l’accoglienza e le tradizioni enogastronomiche.

Share Button