Matera. Chiusa con “Enoch Arden” la rassegna di Arterìa

Un momento della performance alla Casa Cava

Un momento della performance alla Casa Cava

Una performance densa di emozioni. Il racconto di un “dramma del mare”
Momenti lieti come l’amicizia di tre fanciulli, l’amore tra Enoch ed  Annie e le nozze tra i due, ma anche l’amore nascosto di Philip, i tragici eventi come il terribile naufragio di Enoch su un ‘isola deserta ed il ritorno in patria dopo lunghi anni , quasi come Ulisse, per ritrovare la sua amata che credendolo morto sposa nel frattempo Philip. Infine il lasciarsi morire in mare senza mai rivelarsi a lei per non turbare la sua ritrovata felicità.

Doppio appuntamento ieri a Matera nella Casa Cava: in scena “Enoch Arden”, melologo per voce recitante e pianoforte di Richard Strauss tratto dal racconto del  poeta inglese  Alfred Tennyson.

Uno spettacolo particolarmente gradito perché ha segnato il ritorno nella città d’origine di Carlo De Ruggieri, impegnato fin dagli esordi tra cinema, teatro e televisione con un curriculum di tutto rispetto: ha lavorato con registi come Soldini, Rubini e i fratelli Taviani , ha partecipato anche all’ultimo film di Woody Allen “To Rome with love” girato nella Capitale ed è noto al grande pubblico per aver recitato nella fortunata  serie televisiva “Boris” nel ruolo dello stagista Lorenzo.

Ad accompagnare la voce recitante di De Ruggieri , il pianoforte del giovane talento Alessandro Deljavan tra i sei giovani artisti selezionati che frequentano l’Accademia Pianistica Internazionale del Lago di Como, tra le più prestigiose al mondo. Insomma due artisti di grande calibro che con lo spettacolo “Enoch Arden” hanno chiuso la stagione invernale della sedicesima edizione della rassegna VivaVerdi Multikulti promossa dall’associazione Arteria.