Ficarra e Picone a Matera con "Apriti cielo"

Ficarra e Picone sul palco

MATERA – Primo dei due eventi estivi organizzati da Quadrum per l’estate materana. Sabato sera, in un parco del Castello ancora troppo poco utilizzato per manifestazioni culturali e di intrattenimento, appuntamento con la comicità di qualità di Ficarra e Picone. Il duo siciliano ha portato in scena “Apriti cielo”, fortunato spettacolo misto che propone tanto il teatro comico quanto il cabaret tout-court, da quello delle gag a quello basato sull’improvvisazione e la satira sull’Italia media in cui loro, consacrati sette anni fa da “Striscia la notizia” e poi velocemente approdati al cinema e ai palcoscenici televisivi di successo, sono maestri a modo loro. Al numerosissimo pubblico presentatosi all’appello dei fratelli Braia, Salvo e Valentino, questi i nomi di battesimo dei due ragazzi irresistibili, si sono prima presentati come elettrotecnici incaricati di riparare un tv-color nella casa di un uomo che però nel frattempo è morto. Una situazione insolita, al centro dello sketch più lungo della serata, capace di generare imprevisti esilaranti, tessuti su un registro prettamente teatrale. Più da piccolo schermo, per dinamiche e tempi, invece, è la satira graffiante sulla chiesa che caratterizza la seconda parte dello spettacolo, in cui Ficarra e Picone vestono i panni di un prete e di un chierichetto alle prese con la commercializzazione iconografica spinta della chiesa, pretesto per ironizzare su quello che in Italia, insieme alla politica, si configura ancora come uno dei poteri più forti. Nel mezzo, si diceva, l’improvvisazione, l’happening generato da episodi collaterali allo spettacolo, come i bambini intenti a far foto e video coi cellulari sotto il palco e il padre di uno di questi chiamato a renderne conto o la frecciatina agli organizzatori sull’eccessiva presenza di manifesti del concerto di Emma, l’altro evento estivo di Quadrum, in programma il 15 settembre. Non poteva mancare, infine, la parentesi dei “nati stanchi”, sketch ancora fortunato con cui Ficarra e Picone, agli esordi, si sono fatti conoscere dai più. Ancora un bel tassello, insomma, nel mosaico degli eventi targati Quadrum che, come ricorda l’amministratore Franco Braia, in questo modo prova a dare un contributo sostanziale al percorso Matera2019, proponendo iniziative popolari, che pur devono essere previste e non solo dai privati, ma che funzionano sempre, soprattutto d’estate.

 

Share Button