Puglia Sounds presenta i “Mercoledì Live” della Siae dedicati agli autori “under 31”

Tariffa ridotta per gli esercenti che organizzano (di mercoledì) concerti di giovani cantautori

Conferenza Stampa Siae - Regione PugliaSi chiama ‘Mercoledì live’ una nuova iniziativa della Siae in favore dei giovani autori under 31 e dei gestori che partirà il primo marzo prossimo a Bari e Firenze, in via sperimentale e per la durata di tre mesi. E’ stata presentata oggi nella sede della Regione Puglia perché è stata realizzata con Puglia Sounds.

Mercoledì live prevede una tariffa ridotta (25 euro rispetto ai 50 regolamentari) per gli esercenti che organizzano di mercoledì, in locali fino a 200 posti con ingresso libero e consumazione facoltativa, concerti di cantautori under 31 che cantino un proprio repertorio.

La Puglia è stata scelta – ha detto Gaetano Blandini, Direttore Generale Siae – “per quello che questa Regione ha fatto di buono per la cultura, sul cinema ha fatto bene, sulla musica ha fatto cose addirittura straordinarie. Mercoledì Live segue concettualmente la decisione di azzerare la quota associativa per gli under 31 (nel 2015) e su cui abbiamo già avuto un riscontro importante: in un anno sono 2.500 i nuovi autori iscritti a Siae. Questo significa che abbiamo rinunciato a circa 1.5 milioni di euro: ma per noi non è un mancato incasso, è un investimento strategico per il futuro”.

Loredana Capone, assessore regionale all’Industria turistica e culturale della Puglia, ha ricordato che “con Puglia Sounds vogliamo dare ai giovani autori pugliesi l’opportunità di trovare la propria strada, aiutarli a percorrerla esprimendo al massimo la propria creatività. Un’iniziativa a sostegno del talento che agevola, però, anche i locali che programmano musica dal vivo, che in Puglia sono oltre 3mila”.

“Perché la musica – ha aggiunto citando dati di una ricerca con dati che talvolta sono ricavati valutando la capienza dei locali e non gli effettivi incassi – è motore di crescita sociale ma anche e soprattutto economica e i numeri che abbiamo registrato in Puglia dal 2010 al 2014 lo urlano: +122,2% spettatori rispetto al -59,5% della media italiana e un volume d’affari pari a +22,6% rispetto al +8,9% italiano. D’altra parte l’industria creativa è una delle specializzazioni intelligenti della Puglia e su questo capitolo sarà destinata una parte cospicua del portafoglio europeo nella prossima programmazione”.

Share Button