Dopo il Taglio del nastro Brian Eno si racconta al Medimex di Bari

Capone: “Reddito attraverso la cultura? Un turista culturale spende 131 euro mentre un turista balneare ne spende 87 e un turista enogastronomico 118” – E Brian Eno si racconta (report)

Taglio del Nastro Medimex 2015BARI – Si è aperta ufficialmente alle 11.30 la quinta edizione del Medimex presso la Fiera del Levante di Bari. Al taglio del nastro in prima fila con l’assessore regionale allo Sviluppo economico Loredana Capone, anche Ugo Patroni Griffi, presidente della Fiera del Levante, Alessandro Ambrosi, presidente della Camera di Commercio di Bari e Paolo Ponzio vicepresidente del Teatro Pubblico Pugliese.

In mattinata l’appuntamento è stato preceduto da un incontro dei Sud Sound System con gli studenti, mentre a mezzogiorno per la serie degli “incontri d’autore” presso l’Arena è stata la volta di Brian Eno che ha presentato l’installazione multimediale Light Paintings, che sarà visitabile fino al 14 novembre al Teatro Margherita.

ANSA/ VINCENZO CHIUMARULO

ANSA/ VINCENZO CHIUMARULO

Light Paintings è un insieme di opere “dipinte con la luce” attraverso un ribaltamento della tradizionale relazione tra spettatore e video.  Salutato da un caloroso applauso Eno racconta la genesi di Light Paintings che affonda le radici in 68 milioni di anni fa, “quando si stava formando la costa dell’Inghilterra, da cui provengo, territorio principalmente pianeggiante adatto agli aeroporti anche delle forze armate, 83 solo nella piccola area da cui provengo io, tendenzialmente americani”.

Brian Eno si Racconta

“Sono cresciuto influenzato dalla cultura americana e anche dalla musica” ha detto “Tutto risale al 1957/58 quando ho sentito il singolo ‘Get a Job’ di ‘The Silhouettes’, molte notti prima dell’ascolto mio padre, stanco del lavoro, rientrando a casa è caduto rovinando sul pavimento e, quando lo ho visto così, ho detto: non avrò mai un lavoro e di fatto non l’ho mai avuto. Di qui la decisione cruciale della mia vita: diventare un artista, e precisamente  un pittore” ha raccontato “amavo Kandjisky e i culi grossissimi delle donne di Renoir. A 15 anni ho deciso di iscrivermi a una scuola d’arte gratuita e aperta a tutti e quindi anche a me che altrimenti non avrei potuto frequentarla. Al colloquio ho portato un dipinto di Renoir (sempre una signora con un sedere ragguardevole) e emergevano già i temi principali della mia carriera artistica. Vi parlo così perche se parlassi seriamente, in questo contesto, vi annoiereste”.

Brian Eno ai fotografi: solo due minuti per le foto, altrimenti il pubblico non vede niente

Brian Eno ai fotografi: solo due minuti per le foto, altrimenti il pubblico non vede niente

Lo storico fondatore dei Roxy Music, del glam-rock e dell’ambient music sarà anche il protagonista della prima Lezione di Musica, in questa giornata inaugurale.

Un altro dei primi eventi speciali programmati nell’area Expo è quello con CUBLED, l’installazione audiovisiva e interattiva creata da Giuseppe Acito per l’Opificio Sonico.

Share Button