Rai Libri, presente e futuro del libro in un convegno a Matera

Il potenziale cross mediale del libro e le nuove modalità narrative nel suo rapporto con la tv, quanto si legge oggi in Italia, quali sono i settori più in crescita nel mercato del libro, qual è il profilo del lettore e come avvicinare le giovani generazioni ai nuovi prodotti editoriali: sono alcuni dei temi al centro dell’evento, organizzato a Matera da Rai Libri, la nuova casa editrice della Rai, dal 27 al 29 giugno. Un appuntamento che rappresenta uno dei momenti più attesi delle celebrazioni per Matera Capitale Europea della Cultura. Titolo: “IERI, OGGI E DOMANI. Presente e futuro del libro in Italia tra rivoluzione tecnologica e nuovi linguaggi della comunicazione”.

Le nuove dinamiche del mercato editoriale verranno approfondite, venerdì 28 giugno, in un panel tecnico al quale parteciperanno l’Associazione italiana editori – che scatterà una fotografia del mercato partendo dal Rapporto sullo stato del libro 2018 – ed esponenti delle principali realtà editoriali intervistati da un parterre di giornalisti con il coordinamento di Franco Di Mare. A seguire, nel pomeriggio del 28 giugno e sabato 29 giugno, alcuni tra i personaggi più rappresentativi del catalogo di Rai Libri presenteranno i loro titoli, intervistati dalla giornalista Alessandra Comazzi : Salvo Sottile con “Notte fonda”; Milly Carlucci con “La vita è un ballo”; Andrea Delogu con “Dove finiscono le parole”; Bianca Guaccero con “Il tuo cuore è come il mare”.

“In Italia c’è una significativa parte della popolazione, che mostra un disinteresse verso la lettura in generale, una  lontananza dal libro che viene percepito da molti come una sorta di oggetto misterioso”- fa notare il direttore di Rai Libri Flavio Mucciante. E’ per questo che iniziative come l’evento, organizzato a Matera da Rai Libri, hanno un valore strategico. “Il libro diventa elemento centrale nel moderno racconto cross mediale della Rai- assicura Mucciante-  sfruttando tutte le potenzialità di una proposta narrativa, che può svilupparsi su media differenti”. Nell’era del boom dell’e-commerce, è quanto mai  necessario – dice il direttore di Rai Libri – “fornire quante più informazioni possibili per consentire al lettore una scelta ragionata e consapevole, rilanciare il  ruolo del libraio e contribuire in modo convinto a diffondere una sorta di socializzazione della lettura, come strumento di crescita per ciascun individuo e per il  Paese in generale”. Un ruolo che la Rai – conclude Mucciante- “non può e non vuole cedere a nessun altro”.

 

Foto: Facebook “Rai Libri”

Share Button