La scomparsa di Lauren Armstrong. Riflessioni delle lettrici sul romanzo della Manzini

MATERA – Una libera chiacchierata di grandi lettrici, sul libro “La scomparsa di Lauren Armstrong”, della giovane scrittrice Gaia Manzini, già finalista del premio strega, edizione 2012. Questa la formula che ha caratterizzato l’incontro, promosso dalle “Fattorie Donna Giulia”, che ha avuto luogo ieri a Matera, nella sede di Arterìa. Al centro del romanzo della Manzini, l’incapacità di identificarsi con sé stessi che spesso sfocia nella necessità di assumere personalità, modi di fare e atteggiamenti di altri. Ad emergere sono dunque diversi aspetti: l’auto-analisi, il desiderio di fuga, la ricerca di autenticità e il rapporto madre-figlia. Elementi che l’autrice miscela e alterna con sapienza, offrendo al lettore più di uno spunto di riflessione, su stile di vita, ritmi, aspettative e ruoli, che siamo spesso chiamati a rivestire contemporaneamente. Analisi e riflessioni sono state offerte, ieri sera, dalle lettrici del libro. Maria Teresa Cascino, Rossana Cafarelli, Paola Saraceno, Rossella Tosto, Beatrice Volpe, Rossana Tinelli e Maria Giuliani hanno infatti indicato le diverse chiavi di lettura del testo, soffermandosi sui singoli aspetti emotivi ed emozionali che caratterizzano il romanzo. Gli interventi per voce e pianoforte sono stati invece curati da Beatriz Fornabaio e Loredana Paolicelli.

Share Button