Mario Botta a Matera, grande nome dell’architettura internazionale

Il suo stile sobrio, caratterizzato da eleganza e forme geometriche, è inconfondibile e amato in tutto il mondo. Sue sono le progettazioni del Museo Tinguely di Basilea, della chiesa San Giovanni Battista di Mogno e il Museum of Modern Art di San Francisco. Parliamo dell’architetto svizzero Mario Botta, ospite a Matera a Palazzo Lanfranchi per una Lectio Magistralis, evento d’’apertura delle iniziative legate al Festival dell’Architettura , organizzato dal Collettivo Archival e dal Centro Edile Quartarella con gli ordini professionali di Bari e Matera e l’Università degli studi di Basilicata.

Botta conosceva Matera anche perché è stato tra i partecipanti dieci anni fa del concorso di idee per la riqualificazione di piazza Matteotti a Matera.

Tra le sue ultime progettazioni “Fiore di pietra”, un ristorante sulla vetta del Monte Generoso in Canton Ticino al confine tra Svizzera e Italia.

L’intervista

Share Button