Gli straordinari capannoni di Centonze nel Laboratorio di restauro

 

mimmo_centonzeMATERA – Un percorso attraverso lo spazio vuoto o semipieno dei capannoni, rivisitato dall’artista Mimmo Centonze, dà vita a raffigurazioni e dipinti della mostra “Capannoni nel Capannone”, inaugurata ieri a Matera all’interno del Laboratorio di Restauro della Sovrintendenza, che sarà possibile ammirare fino al prossimo 8 dicembre, con orario di apertura dalle 9 alle 20. L’esposizione parte da una piccola selezione dei primi Capannoni, realizzati da Centonze nel 2008, allestita nel Museo di Palazzo Lanfranchi, nell’ala dedicata al contemporaneo. Elemento caratterizzante delle opere, il cui allestimento è stato curato da Marta Ragozzino, responsabile della Sovrintendenza per i Beni Storici ed Artistici della Basilicata, è la luce, sempre presente, attraverso varie sfumature e tonalità di colori. Quella luce che penetra all’interno degli spazi e che offre uno squarcio all’esterno, su ciò che sta al di là, e che diventa metafora di speranza e spiritualità. Sulle pareti grezze di uno spazio inusuale, scorrono, quasi sospese, le immagini inquiete e calde degli interni dei capannoni industriali, che Centonze rievoca ora con immagini ora con un vero e proprio slancio materico, con i loro cumuli di rifiuti metallici, accatastati in attesa di un possibile riciclo. Interviste ed analisi nel servizio riportato nella pagina.

Share Button