“Custodi di Sapienza” e l’identità ritrovata

MATERA – Un viaggio attraverso le tradizioni e la cultura del territorio, alla riscoperta di quei mestieri che hanno fatto la storia dell’artigianato locale. È possibile percorrerlo ammirando le realizzazioni di otto artisti materani, veri e propri “Custodi di Sapienza”, come suggerisce la mostra allestita nel cuore dei Sassi, in via Bruno Buozzi, 75/77. Elemento attorno al quale ruota la mostra, che rimarrà allestita fino al prossimo 20 gennaio e che potrà essere visitata tutti i giorni dalle 17 alle 20 e 30, è uno dei simboli stessi della identità materana, il cucù. Ma non è il solo. Protagonisti qui sono soprattutto forme, colori e materiali: l’argilla, il vetro, la cartapesta, ma anche i metalli preziosi. Perché custodire significa far rivivere l’antica arte della manualità ma anche declinare l’identità attraverso le coordinate dell’innovazione e della creatività, attraverso l’uso e la riscoperta di tecniche di lavorazione antiche e nuove. Accanto ai cucù in argilla di Francesco Niglio, una trentina quelli esposti, caratteristici per forme e colori, risaltano quelli in ceramica raku di Maria Bruna Festa, con i timbri in terra cotta, e poi ancora i quattro presepi di Maria Teresa Tulliani e Giuseppe Napolitano, e le opere in arte vetraria di Anna Napolitano. L’occhio però è catturato anche dallo studio sul cucù in metalli preziosi, di Lela Campitelli e Michele Ascoli, del laboratorio Materia e dalle opere in maiolica e porcellana di Milvia Lo Forte. Parole d’ordine sono quindi tradizione ed arte, storia ed artigianato, ma anche manualità e lavoro. Le cosiddette “Arti in bottega”, se correttamente tramandate, possono diventare infatti un prezioso strumento anche per i giovani. La bottega, sottolinea Niglio, è il luogo del tempo creativo, dello scavo interiore, della identità ritrovata e della contemplazione di una idea. Una cosa è certa, ribadisce ancora Niglio. Quella della Bottega non è una produzione in serie. Il manufatto artigianale risponde infatti ai tempi della mente e del cuore.

 

Share Button