Autentici e riproduzioni della Arnaldo Caprai in mostra a Matera

MATERA – Merletti, mantiglie, stole e pizzi, realizzati dal Gruppo Tessile Arnaldo Caprai, rimarranno esposti all’interno degli ipogei di Piazza San Francesco a Matera fino al prossimo 19 settembre. L’azienda di Foligno  propone, attraverso i suoi capi, dei valori profondi basati sulla naturalità delle materie trattate e sulla cultura di un lavoro artigianale, costantemente supportato da una fonte storica di incommensurabile valore, la Collezione Museale delle Arti Tessili. Con i suoi oltre 24mila reperti sull’arte Tessile, essa racchiude cinque secoli di storia, dal Rinascimento alla prima metà del Novecento. Rivivere e impreziosire l’antica tradizione del matrimonio si può, attraverso la fine tessitura dei capi in mostra a Matera, come sottolinea Annamaria Epifanio, esclusivista di zona del Gruppo Caprai. Sono tutti pezzi realizzati con cura e nei minimi dettagli, dal filo al capo finito, sottolinea la Epifanio, molti dei quali esposti ed utilizzati in contesti e luoghi altamente simbolici, come la mantiglia donata alle first lady del G8 di Genova, o la tovaglia in stile liberty, utilizzata nel pranzo ufficiale, la G8 de L’Aquila. “Le tradizioni di Matrimonio”, che potrà essere visitata fino al prossimo 19 settembre, racchiude in sé un vero e proprio spaccato su questa antica tradizione, appunto, rivisitata e riproposta attraverso l’arte del corredo ma anche con spazi dedicati agli oggetti d’arredo e agli abiti da sposa.

 

Share Button