A San Paolo Albanese grande successo per “La bella vergogna”

Una valle nel sud della Basilicata, incastonata lungo quella parte del Parco del Pollino attraversato dal fiume Sarmento; un centro culturale, il ‘Banxhurna’, nel territorio di San Paolo Albanese, giovani talenti, quasi tutti locali, una storia da raccontare, una realtà artistica da anni punto di riferimento in Basilicata e non solo (il Centro Mediterraneo delle Arti di Ulderico Pesce) e una delle compagnie più sorprendenti del mondo: gli spagnoli de La Fura dels Baus.

Tutto questo è ‘’La bella vergogna’’, il laboratorio artistico pensato nell’ambito dei progetti di Matera Basilicata 2019, che si è concluso con i primi tre spettacoli. Il connubio artistico e già rodato nel 2016 con lo spettacolo ‘Terrista’ si completa con la  MD Spettacoli di Mauro Diazzi.

LA BELLA VERGOGNA è il concetto sintesi della straordinaria  storia di Matera: la ‘’vergogna d’Italia’’ bella da togliere il fiato, che si risveglia in un’alba che la proietta verso il futuro. Ma guai a dimenticare la propria storia, le proprie radici. la Terra.

Diversi i temi sviluppati : il lavoro, quello dai braccianti occupatori di terra del Materano, alla ricerca di lavoro di oggi che porta alla nuova emigrazione. La fuga: dall’esodo dei monaci bizantini dall’Oriente, all’arrivo in varie aree della Basilicata dove hanno realizzato magnifiche opere d’arte e dello spirito; e ancora le fughe di oggi, di popoli che partono per disperazione, alla ricerca di nuove terre dove realizzare i propri sogni. Il paesaggio come bellezza ma anche visto nella terribile ottica della speculazione, del capitalismo imperante.

Share Button