Matera: 630 anni di festa, un anno da Capitale; presentata l’edizione 2019 della Festa della Bruna

Matera. 630 anni di festa, un anno da Capitale. Si scaldano i motori per la Festa della Bruna, edizione numero 630. Tutti i protagonisti delle celebrazioni, dal Comitato presieduto da Mimì Andrisani all’Associazione dei Cavalieri, la Confraternita “I Pastori della Bruna”, gli Angeli del Carro, i Pastori dell’Anima e lo staff dell’auriga Dino Chiefa sono al lavoro per definire gli ultimi dettagli utili a vivere con devozione e passione una giornata che è ormai simbolo identitario della comunità.

Tra le novità di quest’anno particolarmente importante per Matera, l’intesa con la Fondazione “Matera-Basilicata 2019” per sostenere eventi legati ai festeggiamenti, come l’accensione di un puntatore luminoso ideato nel Progetto Lumen del dossier di candidatura e una videoinstallazione  del progetto I-Dea.

Dal delegato arcivescovile , don Vincenzo Di Lecce, l’appello per il 2 luglio affinchè la comunità sia unita, civile e accogliente.

“Le fede genera cultura: Paolo all’Areòpago di Atene” il tema del carro trionfale che la squadra di artisti e artigiani, aperta ed eterogenea, capitanata da Raffaele e Claudia Pentasuglia, sta ultimando con grande soddisfazione per il lavoro svolto.

Come sempre TRM network con “Aspettando il 2 luglio “ accompagnerà la comunità devota alla festa, sia questa geograficamente, vicina o lontana. Seguiremo il programma della Novena , ascolteremo la voce di tutte le anime della festa, dei cittadini e dei turisti, scopriremo le novità di quest’anno anche attraverso immagini di backstage e racconti inediti fino agli eventi collaterali.

Share Button