Mysterium Festival. Si apre a Matera la sesta edizione con il Requiem di Verdi

Un momento solenne, imponente e di vero impatto emotivo, sopratutto per la splendida cornice della Cattedrale di Matera. Il “Requiem di Verdi” ha inaugurato ieri la sesta edizione del Mysterium Festival, imponendosi tra le mura sacre della Cattedrale come un inno solenne all’Unità d’Italia.Una grande opera sinfonica e corale che ha impegnato ben 260 artisti; grandi professionisti tra cui il soprano Silvia Dalla Benetta, il mezzosoprano Annunziata Vestri, il tenore Raffaele Abete, il basso Fabrizio Beggi, i maestri del coro Andrea Crastolla, Agostino Ruscillo e Annarita Di Giovine Ardito, per aprire la sesta edizione di un festival che pone al centro il sacro e che unisce i territori di Puglia e Basilicata.Il coro regionale Arcopu e l’Orchestra della Magna Grecia sono stati diretti egregiamente dal maestro Gianluigi Gelmetti, definito ”tra i migliori direttori del mondo” dal musicologo Paolo Isotta.Verdi ha dedicato La Messa da Requiem allo scrittore Alessandro Manzoni, eseguito per la prima volta in occasione del primo anniversario dalla morte di Manzoni, e scrisse: «Vorrei dimostrare quanto affetto e venerazione ho portato e porto a quel grande che non è più e che Milano ha tanto degnamente onorato». Il maestro Gelmetti, l’ha dedicata a uno dei suoi più cari amici, recentemente scomparso.

Share Button