Matera 2019: al lavoro su 94 progetti per 26 milioni di euro

Nella Città dei Sassi la conferenza stampa della Fondazione

La Fondazione “Matera-Basilicata 2019” sta lavorando su 94 progetti (per circa 26 milioni di euro), la gran parte dei quali è “in buona fase di realizzazione”.

Lo si è appreso oggi in una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il presidente della Fondazione, Salvatore Adduce, il direttore generale, Paolo Verri, e i componenti del consiglio di amministrazione Aurelia Sole e Angelo Tortorelli.

Nello specifico quattro progetti riguardano le grandi mostre per un investimento di 2,5 milioni di euro, 27 i project leader per 6,5 milioni di euro, 15 sono gestiti direttamente dalla Fondazione (dall’Open Design School a I-Dea) per 8,5 milioni di euro e 48 sono di animazione del territorio per 8 milioni di euro.

Verri ha, inoltre, annunciato che il prossimo 19 giugno, nell’ambito delle tappe di avvicinamento alla cerimonia inaugurale del 19 gennaio 2019, saranno a Matera gli allenatori delle nazionali di calcio maschile e femminile, Roberto Mancini e Milena Bertolini, di basket maschile, Romeo Sacchetti, e il campione di pallavolo Andrea Zorzi che svolgeranno alcune attività con i ragazzi.

Nella stessa data sarà inaugurata anche la mostra itinerante sui 120 anni della Federazione italiana giuoco calcio (Figc). Dal 22 giugno e fino a dicembre con Radio Rai comincerà una tournèe della Fondazione in varie località, con una serie di spot e trasmissioni dedicate all’evento 2019. Il 19 settembre saranno invece a Matera tutte le precedenti Capitali europee della cultura.

Sono in corso, inoltre, altre iniziative di promozione con l’Enit all’estero e per definire un incontro con il neo ministro per i Beni Culturali, Alberto Bonisoli, nel corso del quale saranno presentati i primi nove sponsor di Matera 2019. Adduce, nel ribadire che la Fondazione a tutti i livelli “sta lavorando con coesione” all’attuazione dei progetti indicati nel dossier di candidatura, ha ricordato i risultati raggiunti con il premio “Melina Mercouri”, che destina 1,5 milioni di euro alle città impegnate nella costruzioni di progetti culturali.

Le risorse saranno impiegati in attività già programmate dalla Fondazione. Adduce ha inoltre illustrato i risultati della seconda riunione di monitoraggio tenuta davanti alla competente giuria, a Bruxelles, il 18 aprile scorso.

La giuria ha fissato in 10 punti le “raccomandazioni” da seguire nella attuazione, promozione e organizzazione dei programmi, “complimentandosi” ha rimarcato il presidente della Fondazione “per gli sforzi fatti finora e l’impegno profuso per la preparazione a capitale europea della cultura 2019, dopo la lunga fase di incertezze gestionali e politiche seguite alla proclamazione avvenuta il 17 ottobre 2014”.

Share Button