A Potenza dal 18 maggio la mostra “Io sono” - trmtv

A Potenza dal 18 maggio la mostra “Io sono”

L’iniziativa rientra nel programma ‘Videomigrazioni’ e rimarrà aperta fino al 22 giugno per celebrare la Giornata mondiale del rifugiato

Le immagini e le storie dei migranti – raccolte nella mostra “Io sono” di Luisa Menazzi Moretti – saranno esposte dal 18 maggio nella Pinacoteca provinciale di Potenza: il materiale fotografico e testuale è stato realizzato nel 2017, coinvolgendo i rifugiati accolti nei progetti Sprar della Basilicata.

19 Io sono-I am, Ahamad, Manal, Mohammad Nour, Marwa, Abdulhai, Khaled, Maram, Salwa, @ Luisa Menazzi Moretti, 2017

L’iniziativa – che rientra in “Videomigrazioni – Storie di persone in viaggio” un programma di eventi di sensibilizzazione per celebrare la Giornata mondiale del Rifugiato del 20 giugno – è stata promossa dalla Provincia di Potenza e dal Comune di Matera e gestita da Fondazione Città della Pace, Cooperativa Sociale Il Sicomoro ed Arci Basilicata.

I protagonisti sono migranti, ora residenti in Basilicata, che provengono da Afghanistan, Pakistan, Siria, Nepal, Libia, Gambia, Nigeria, Senegal, Egitto, Congo, Mali, Costa d’Avorio, Eritrea ed Etiopia. Il progetto è composto da venti ritratti fotografici di grandi dimensioni di rifugiati e richiedenti asilo, ai quali si affiancano altrettanti pannelli con i testi delle loro storie raccolti dall’artista.

“Ho incontrato persone arrivate nel nostro Paese alla ricerca di una vita migliore” ha detto Menazzi Moretti “e insieme a moltissime altre sbarcano e si confondono nell’indistinto afflusso di uomini e donne senza volto e senza storia. Non sappiamo nulla di loro”.

Il progetto comprende, oltre alla mostra, anche un video e il libro “Io sono” pubblicato da Giunti Editore. Il lavoro è anche corredato da una guida didattica “per sviluppare nelle scuole originali programmi didattici sul rispetto dei diritti umani”.

La mostra rimarrà aperta fino al 22 giugno per celebrare la Giornata mondiale del rifugiato.

Share Button