“Matera a Carnevale” scende il sipario

“Matera a Carnevale” scende il sipario. E con esso scende il sipario anche sulla trasmissione “Mvt, se ti muovi ti diverti” che TRM Network ha lanciato per accompagnare l’evento, con l’obiettivo di sostenere il progetto sul piano della promozione, della partecipazione e coinvolgimento diffuso, nonché della sensibilizzazione volta alla raccolta di contributi liberali da parte di imprese e cittadini, che avrebbero costituito una quota importante del budget stimato per l’operazione nella sua interezza, assunto che la cornice istituzionale prevista per esso ne rappresentava solo l’imprescindibile base come rampa di lancio.

Era necessario e doveroso un momento pubblico di confronto e di chiarezza, che permettesse, nella trasmissione di congedo con la voce dei protagonisti di raccontare alcuni passaggi fondamentali registrati, dall’inizio del percorso fino suo brusco stop.

Ultima puntata condotta da Sergio Palomba e Saverio Pepe, con telefono aperto dunque cui è stato invitato il sindaco Raffaello de Ruggieri, tutti i componenti del Tavolo tecnico che si è costituito per l’evento nonché alcuni colleghi giornalisti che hanno stimolato la riflessione sul tema e tutti i partner della produzione che hanno reso anche leggero e inclusivo il percorso.

Partendo dalla descrizione tecnica del progetto, sono stati ricostruiti i momenti salienti di un percorso ad ostacoli, avviato dall’Amministrazione in ritardo sicuramente, ma che si era alimentato con la forza degli apporti e dell’adesione convinta da parte di associazioni di categoria e delle tante associazioni che avevano risposto all’appello del Comune candidando 75 proposte progettuali per animare piazze e piazzette.

In apertura di trasmissione una scheda tecnica descrittiva ed il punto sui costi messi a budget nella fase preliminare per un progetto non banale e di facciata che il Comune di fatto non ha acquisito da un soggetto proponente ma COSTRUITO insieme a tutte le Associazioni invitate ed a TRM Network, chiamata insieme alle associazioni a supporto della organizzazione in virtù dell’esperienza già vissuta negli anni ’80 e ’90.

Numeri (300.000 euro) – attenzione – necessari non per un progetto circoscritto e di facciata ma per un progetto di qualità per la sua estensione, portata e contenuti, che prevedeva 4 giorni di animazione nei Sassi e non solo con oltre 30 piazze e piazzette coinvolti, con un obiettivo di richiamo presenze turistiche in periodo di destagionalizzazione e di partecipazione diffusa da parte dei cittadini.

Un progetto inclusivo e di qualità che non si è potuto realizzare per le somme alla fine esigue accordate dopo le mediazioni (100.000 euro), non in assoluto per la loro entità ma per la loro non aderenza al concept del progetto ed alle sue finalità. Il braccio di ferro politico ha vinto ed ha silenziato entusiasmi.

Perché la politica anche ieri è entrata pienamente nella discussione, come emerso a più riprese anche dalle dichiarazioni del primo cittadino, che ha ammesso che sia stata inferta una pugnalata alla città per non mettere a rischio la tenuta democratica del governo cittadino.

Le Associazioni hanno rimarcato il valore della proposta e l’eredità che questa esperienza ha lasciato che non potrà sicuramente essere trascurata ed andrà ricanalizzata con forza, rigore e metodo sul piano della programmazione anticipata ma anche sull’ampia cornice di adesione che dovrà guidare momenti importanti per la città, senza che sia trascurata la spia della voce dei cittadini, degli operatori economici e degli operatori culturali da rendere co-protagonisti di un percorso condiviso.

Motivi di riflessione ve ne sono diversi, raccogliendo tutti gli spunti emersi nel corso degli interventi da parte della CNA, Confcommercio, Confesercenti, Confapi, CAM e Associazione B&B registrati nel corso della trasmissione, a testimonianza di un lavoro a servizio della città che si era intrapreso con fatica ma con convinzione e determinazione, sicuramente da non disperdere.

La trasmissione di congedo riproposta su TRM (al canale 111 del digitale terrestre di Basilicata) nella sua interezza può essere visionata “On demand” sul canale YouTube di TRM h24.

Share Button