Matera 2019, Meno Uno: Antoine Le Menestrel incanta Matera

Foto Matera 2019

Matera. Una performance degna di una Capitale Europea della Cultura ad alto impatto visivo ed emozionale ad un anno dalla cerimonia d’apertura nel 2019. Il Capodanno materano, trasmesso in diretta su TRM network, è stato festeggiato in piazza Vittorio Veneto ; alle 19:19 in punto è cominciata la  scalata poetica dell’artista francese Antoine Le Menestrel, uno degli indiscussi protagonisti dell’arrampicata sportiva degli anni ’80 che , con la sua danza verticale, ha incantato il pubblico di tutto il mondo così come accaduto a Matera. La vetta a 19 metri di altezza, il campanile della chiesa di san Pietro Barisano, riprodotto con mattoni di cartone da braccia, mani e cuori di centinaia di cittadini materani. Dopo i laboratori di realizzazione degli oltre 500 pezzi, cittadini di tutte le età, atleti, turisti e scolaresche hanno montato l’imponente struttura ideata da Olivier Grossetete; l’artista 44enne di Marsiglia ha dedicato gli ultimi 15 anni a realizzare nel mondo decine e decine di megastrutture monumentali partecipate utilizzando solo cartone, nastro adesivo e manodopera . Delle sue installazioni racconta “ Queste costruzioni sono fatte dal pubblico, c’è dentro la gioia di costruire qualcosa insieme, qualcosa di effimero, perché poi la struttura andrà distrutta e non durerà nel tempo, ma che comunque ha il suo impatto visivo e nello spazio proprio come un edificio reale …è un po’ un modo di ridare il potere al popolo.” Ed i materani sono tornati ad entusiasmarsi intorno all’ambizioso progetto di Matera 2019, con la mente tornata al 17 ottobre 2014, giorno della proclamazione della città a Capitale Europea della Cultura.
A sonorizzare la performance la musica dei Demonologhy HiFi con Max Casacci e Ninja , leader e batterista dei Subsonica che, subito dopo, hanno fatto ballare e divertire la piazza per concludere un’altra giornata da ricordare.

Sabato, invece, all’ombra dell’imponente struttura, la piazza si trasformerà in un grande palco dove sarà presentato il 50% della produzione culturale del 2019, che sarà realizzata dai 27 project leader della scena creativa lucana . Nel pomeriggio, a partire dalle 15:30, in diretta su TRM network, i cittadini saranno chiamati a smontare tutti insieme la grande installazione ed a collaborare al conferimento dei materiali per il riciclo, mentre un pezzo della struttura verrà consegnato all’artista materano Raffaele Pentasuglia che lo posizionerà sul carro della Festa delle Bruna del 2 luglio.

I motori sono accesi, il cantiere è aperto. Meno 365 giorni a Matera 2019.

Share Button