Lectio Magistralis dell’architetto Mario Botta a Matera per il festival Archival

L’8 settembre una lectio magistralis. Poi sarà anche ad Altamura

A Mario Botta, un grande nome dell’architettura contemporanea, tra i partecipanti dieci anni fa al concorso di idee per la riqualificazione di piazza Matteotti a Matera, sarà affidata l’apertura delle iniziative legate alla terza edizione di Archival, il Festival dell’Architettura di Matera, organizzato dal Collettivo Archival e dal Centro Edile Quartarella con gli ordini professionali di Bari e Matera e l’Università degli studi di Basilicata.

Lo hanno reso noto nel corso di una conferenza stampa il professore Antonio Conte, docente presso la facoltà di architettura di Basilicata, Antonio Loforese, fondatore di Archival, e Renèe Quartarella, responsabile comunicazione marketing della omonima azienda pugliese che opera nel comparto edile.

Botta, che ha avuto modo di collaborare con l’architetto Le Corbusier, sarà protagonista a Matera di una lectio magistralis l’8 settembre a Palazzo Lanfranchi, con la partecipazione di professionisti e di studenti della facoltà di architettura di Basilicata. Nel corso dell’incontro Botta parlerà della sua esperienza, con riferimento al moderno nei diversi contesti urbani e alle intuizioni su Matera capitale europea della cultura per il 2019. L’architetto sarà poi in serata, al Teatro Mercadante, ad Altamura per un incontro sul tema “Mario Botta – Federcio Bucci, Un dialogo tra Architettura e Storia”.

Il festival dell’Architettura prevede lo svolgimento di incontri, laboratori, che legano le esperienze di grandi nomi dell’architettura mondiale alla formazione di giovani professionalità e di studenti universitari con l’obiettivo di approfondire temi e progettualità legati alla identità e alla forma dei territori.

Share Button