Matera, al via Gezziamoci

Matera. Il “Gezziamoci. Il Jazz Festival di Basilicata” quest’anno festeggia la trentesima edizione. Il festival più longevo del sud Italia ritorna a calpestare il palco della Terrazza Le Monacelle nel cuore dei Sassi di Matera dal 10 al 13 agosto.

Per la piccola comunità dell’Onyx Jazz Club questo è un grande traguardo che rinsalda il legame con la città di Matera. L’idea è sempre stata quella di legare la cultura alle radici lucane, di modo che il Gezziamoci e Matera potessero crescere insieme come luogo di cultura collettiva e condivisa, dove tutti i musicisti non si sentissero ospiti ma abitanti per un giorno di quei luoghi. Luoghi che molte e molte volte li hanno ispirati, la dimostrazione che non si cava solo tufo dai sassi ma la maggior parte delle volte si cava cultura.

Ad agosto numerosi saranno i protagonisti che animeranno il centro di Matera, integrando le realtà locali emergenti con i grandi del jazz internazionale. Si parte il 10 agosto con due set: Vincenzo De Filpo, che dopo aver partecipato alla prima edizione del Gezziamoci ritorna al pianoforte con un omaggio a George Gershwin; e il Kekko Fornarelli Trio, pianista pugliese di fama internazionale con il suo nuovo progetto con Federico Pecoraro al basso elettrico e Dario Congedo alla batteria. L’11 agosto sul palco del Terrazzo Le Monacelle la stella nascente della fisarmonica italiana Vince Abbracciante presenta la sua ultima fatica: Sincretico (Dodicilune, 2017), composizioni originali di Abbracciante per trio jazz e quartetto d’archi. Il 12 agosto Lars Danielsson e Grégory Privat presenteranno in questa formazione inedita e intimistica Liberetto III, l’ultima fatica dell’acclamato contrabbassista svedese per la ACT. La giornata di chiusura del 13 agosto sarà ricca e sorprendente: si comincia prestissimo all’alba con il concerto alle 5 nel Parco della Murgia Materana con un inedito Lars Danielsson in contrabbasso solo che accompagnerà il levare dell’alba sui Sassi di Matera. L’evento speciale che chiude la parte estiva della trentesima edizione del Gezziamoci, in collaborazione con la Regione Basilicata. Dipartimento Presidenza. Ufficio Sistemi Culturali e Turistici. Cooperazione Internazionale, sarà il trio del famoso pianista internazionale Uri Caine con Mark Helias al contrabbasso e Clarence Penn alla batteria.

In più, per chi decide di voler seguire tutti e quattro i concerti dal 10 al 13, è previsto un abbonamento dal costo di 45 euro.

Il traguardo di quest’anno è la dimostrazione di come un’associazione come l’Onyx Jazz Club, fatta di persone che per passione operano e realizzano un festival dalla durata annuale con una stagione invernale ed estiva, sia il punto focale dal quale ripartire per operare in una comunità fatta di persone e territori. Di come la passione e la volontà di fare bene possano far sì che la cultura sia qualcosa alla portata di tutti e creata insieme a tutti.

I trent’anni del Gezziamoci, il Jazz Festival di Basilicata, sono la dimostrazione di come sia possibile creare qualcosa di bello e prezioso e farlo crescere attraverso i luoghi, la gente, gli artisti; tutti insieme.

NaturalMente Onyx Jazz Club

L’Onyx Jazz Club ringrazia Pino Losito per l’ideazione grafica della Trentesima edizione del Gezziamoci e per l’affetto che ogni anno dimostra nei confronti del nostro festival.

Share Button