Le capitali della cultura Valletta 2018 e Matera 2019 unite dalla mostra “Mediterraneo in chiaroscuro”

Matera capitale europea della cultura 2019 e La Valletta (Malta) capitale europea per il 2018 saranno unite da domani luglio al 6 prossimo novembre dalla mostra “Mediterraneo in chiaroscuro”, che raccoglie opere degli artisti del Seicento esposte nei musei maltesi e italiani. L’evento, sostenuto dalla Fondazione “Matera-Basilicata 2019”, sarà inaugurato domani sera a Palazzo Lanfranchi. E’ stato presentato nel corso di una conferenza stampa dai direttori del Polo museale di Basilicata, Marta Ragozzino, e del Muza di La Valletta, Sandro De Bono.

La mostra, organizzata in quattro sezioni, comprende nove dipinti delle collezioni ospitate a Palazzo Lanfranchi, e in prevalenza della Collezione “Camillo D’Errico”, quattro provenienti da Malta e due da Roma, da Palazzo Barberini, dove di recente è stata allestita una mostra con opere maltesi. A Matera sono presenti capolavori relativi a un periodo della storia d’Europa e del Mediterraneo che coinvolse Malta, Roma e il vicereame del quale faceva parte Matera fin dagli inizi del Seicento, quando prima Caravaggio e poi Mattia Preti si trasferirono a Malta. Nelle sezioni sono presenti opere di soggetto diverso, in prevalenza su tema religioso, di Jusepe de Ribera, messo a confronto con opere di De Haen e Van Somer, di Aniello Falcone a confronto con quadri di Matthias Stomer, di Mattia Preti e di Francesco De Mura con l’opera “Allegoria della nobiltà dell’ordine di Malta”.

Share Button