Tapstart, assegnati finanziamenti 8 progetti per Melendugno

Ambiente, cultura, turismo, protezione civile, sport e benessere: in questi campi spaziano gli otto progetti ai quali sono andati i finanziamenti del progetto TapStart, secondo una graduatoria stilata da una commissione composta da Ferdinando Boero, Giuseppe Moro e Ida Linzalone.

Non è stato assegnato l’intero budget (200 mila euro) a disposizione; i fondi non assegnati andranno ad arricchire le prossime edizioni di TapStart. Lo rende noto l’ufficio stampa di Tap Italia, società del progetto di gasdotto dall’Azerbaijan alle coste del Salento.

“Faccio le mie congratulazioni ai vincitori e do appuntamento alla prossima edizione di TapStart a chi non ha vinto – commenta in una nota Michele Elia, country manager Italia di TAP – la partecipazione di tante associazioni del territorio e la qualità dei progetti presentati rafforzano la nostra convinzione che sia possibile lavorare insieme per assecondare la crescita del territorio. Si chiude così per Tap a Melendugno (Lecce, ndr) un 2016 segnato dall’inizio dei lavori di costruzione del gasdotto, dall’insediamento in città dell’ufficio di progetto e dall’apertura dell’Infopoint, primi segni tangibili di una presenza destinata a durare nel tempo e a contribuire alla vita di una comunità di cui ci sentiamo parte”. I progetti vincitori, presentati da associazioni senza scopo di lucro con sede legale a Melendugno, sono: Rigenerare l’ambiente e il territorio insieme, Stracultour, InVita a teatro, Sviluppo turistico per le Marine di Melendugno, Proteggiamo l’ambiente, Progetto Penelope, Calcio per tutti e Tutela della vita e accompagnamento psicologico. Il 20 dicembre scorso, conclude la nota, si sono chiusi i termini per presentare le domande di partecipazione a ‘Mena!’, master di eccellenza per la nuova alimentazione dedicato ai ristoratori di Melendugno e del Salento. A breve saranno selezionati i partecipanti alle masterclass con chef, sommelier ed esperti. (ANSA)

Share Button