Beni culturali. Basilicata, firmata convenzione Iscr-Ibam

L’Istituto superiore per la conservazione ed il restauro (Iscr) e l’Istituto per i beni archeologici e monumentali del Consiglio nazionale delle ricerche (Ibam) hanno firmato una convenzione per l’avviso di corsi di formazione e attività di ricerca nel campo delle scienze per la conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale.

La convenzione, firmata dai direttori dei due istituti, Gisella Capponi e Daniele Malfitana, ha una durata quinquennale, “finalizzata alla creazione – è scritto in una nota – di un saldo rapporto di collaborazione scientifica tra l’Iscr del Mibact e l’Ibam, per l’avvio di attività di ricerca scientifica attraverso la partecipazione congiunta a programmi e progetti di ricerca nazionali e internazionali, di attività didattica e di formazione specialistica nel campo delle scienze per la conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale presso la Scuola di alta formazione e studio attivata dall’Iscr a Matera”.

“La convenzione – ha detto Malfitana – costituisce una nuova occasione per sperimentare e applicare un modello collaborativo vincente tra istituzioni pubbliche altamente specializzate al fine di avviare nuovi progetti congiunti di ricerca, di rinsaldare i rapporti con il territorio in cui l’Ibam opera, in particolare in Basilicata, e provvedere così al trasferimento di conoscenze alle nuove generazioni di futuri studiosi e specialisti che frequenteranno la scuola dell’ISCR a Matera”.

Per Masini “la collaborazione scientifica è segno del fitto dialogo avviato, già da tempo, anche grazie alla presenza nella città lucana di una Unità di ricerca dell’Ibam”. (ANSA).

Share Button