Taranto, count down per lo Spartan Race

imageFa 5 milioni di follower la corsa a ostacoli più importante del mondo: è lo Spartan Race, in arrivo a Taranto, con la prospettiva di tre edizioni. Competeranno quattromila atleti e si prevede il boom di turisti e visitatori. “Abbiamo restituito il decoro alla città – evidenza il sindaco Ippazio Stefano, che incoraggia i cittadini: “Ora tocca a ciascuno di noi, sentire che la città e’ nostra, tenerla pulita, essere accoglienti. E triplicheremo la presenza turistica”. Poi il ringraziamento alle associazioni, in particolare a “Taranto, la città spartana”.

“Siamo concentrati su tre punti – afferma il coordinatore Licciardello – la realizzazione di eventi collaterali, la valorizzazione della città e i sapori, con l’aiuto dei mitilicoltori”. Parola poi al l’assessore allo sport Francesco Cosa: “È il primo grande evento di destagionalizzazione. Ringrazio poi Pugliapromozione che sta lanciando il brand della città di Taranto”. Grande coinvolgimento delle scuole, spiega l’assessore alla cultura Gina Lupo: “Gli studenti saranno presenti negli infopoint, avranno mappe e brochure bilingue informative. Questo evento sarà una grande palestra per i nostri giovani. Si occuperanno anche dei percorsi culturali. Saranno aperti, e con visite guidate, Palazzo Pantaleo, gli ipogei, la tomba dell’atleta e altri siti”. “Visite sia in italiane che in inglese, ogni ora, al Museo archeologico MarTa”, annuncia la direttrice Eva Degl’Innocenti.

A disegnare il manifesto per l’evento il vignettista tarantino Nico Pilinnini. Poi omaggia il primo cittadino con un secondo disegno intitolato “Ippazio Spartano”, ora che tornerà a fare felicemente il medico, cioè “l’attività in cui riesce meglio”.

Share Button