Aliano (Mt), al via “La luna e i calanchi” con la presentazione della Candidatura a Capitale italiana della Cultura 2018

la-luna-e-i-calanchi-2016Aliano (Mt) – Ha preso il via ad Aliano, nel materano, e si concluderà il 25 agosto, la quarta edizione de La luna e i calanchi, Festa della paesologia ideata e condotta da Franco Arminio. Tanti gli eventi promossi nel corso di una festa che si trasforma in una comunità provvisoria composta da abitanti del paese, persone invitate e visitatori. Si è cominciato con le note di avvio in giro per Aliano, quindi alle 19 in piazzetta Panevino, l’incontro “Per Aliano capitale della cultura 2018”, trasmesso in diretta su trmh24, voluto dal sindaco De Lorenzo per parlare della candidatura del paese del materano appunto a Capitale Italiana della cultura per il 2018 (altre 20 sono le candidate, tra queste le pugliesi Altamura ed Ostuni). La richiesta, si è ribadito, è incentrata sul programma di Aliano “TerrACreativA” con la corposa offerta culturale attivata negli anni. Dal Premio letterario intitolato a Carlo Levi al Parco letterario, passando per una rete museale che spazia dalle opere leviane, ai presepi di Franco Artese e di Paul Russotto, a quello della civiltà contadina; ed ancora il patrimonio del centro storico ed il carnevale alianese, senza ovviamente dimenticare “La Luna e i Calanchi” in grado di riservare ogni anno ad agosto occasioni e spunti di riflessione culturale, sociale ed artistica, e che si è vestita quest’anno di un significato ulteriore, andando a proporre in apertura la presentazione della candidatura a capitale italiana della cultura per il 2018 di Aliano, un borgo con poco più di 1.000 abitanti, protagonista, proprio grazie alla cultura, di un grande riscatto sociale. La festa della paesologia proponendo iniziative dalle prime ore del mattino fino a tarda sera, terminerà giovedì prossimo.

Share Button