Potenza “riscopre” il genio artistico di Musmeci

Ponte MusmeciRiscoperto, raccontato in modo assolutamente originale. Il genio dell’architetto romano Sergio Musmeci ha conquistato il Teatro Stabile di Potenza, sede della seconda anteprima di un documentario – tributo alla sua storia personale e professionale, nel 1976 confluito nella realizzazione del “Ponte sul Basento”, fortemente voluto dall’allora presidente del Consorzio Industriale potentino Gino Viggiani.

Dopo aver affascinato il pubblico capitolino del Maxxi, il capoluogo lucano ha potuto apprendere lo straordinario lavoro compiuto da Musmeci, appassionato di astronomia ed altri ambiti, a giusta causa definito artista della forma, allora concentrato nella composizione delle quattro campate a membrana unica, lunghe 300 metri, divenute porta d’accesso viaria alla città.

Per due anni, la giovane start up Effenove ha raccolto una serie impressionante di documenti e registrazioni. E’ lo stesso Musmeci ad offrirne uno spaccato, con altre voci narranti, come il figlio Paolo, divenuti ingredienti fondamentali del lavoro. Il soggetto è stato curato da Sara Lorusso e Michele Scioscia, fotografia di Vito Frangione e regia di Vania Cuzillo. Ad anticipare la proiezione, l’intervento di alcuni enti a supporto dell’iniziativa, tra i quali, il Consiglio Nazionale e di Potenza degli Ingegneri e la Lucana Film Commission.

Share Button