Capitali Europee della Cultura 2016, cerimonie d’apertura a Wroclaw e San Sebastian

CX8yr-vUwAABC-uMatera. Più di 100 eventi in uno solo fine settimana, tra mostre, concerti, spettacoli. Happening per le strade, ma anche nelle stazioni ferroviarie, nei centri commerciali, persino gli ospedali. Fino al grande ”Risveglio” di domattina che coinvolgerà tutta la città, con più 1.300 artisti e l’intera popolazione protagonista. E’ il lungo week end con cui Wroclaw (Breslavia in tedesco), la Città dei 100 e più ponti sull’Oder, un tempo tedesca, oggi cuore imprenditoriale della Polonia, apre ufficialmente il suo anno da Capitale europea della cultura 2016 (eletta insieme a San Sebastian in Spagna). Una festa d’apertura , immaginata dal genio visionario di Chris Baldwin, già tra gli ideatori dell’opening dei Giochi Olimpici di Londra. La promessa è che sarà davvero ”un evento spettacolare”, con quattro cortei di persone ”comuni” e artisti, in partenza da altrettanti diversi luoghi della città capeggiati da quattro Spiriti-guida (lo Spirito del Pluralismo Religioso, dell’Innovazione, della Ricostruzione e dell’Alluvione) che ne riassumono l’anima e la storia. ”Risvegli – spiega Baldwin – sarà per i cittadini l’opportunità di riunirsi tutti insieme in una grande marcia per un racconto artistico della propria storia”. La ”più grande parata della storia della regione” si concluderà nella Piazza del Mercato, trasformata per l’occasione in un gigantesco palcoscenico naturale con uno show ricco di effetti visuali.

Il prossimo fine settimana, invece, la cerimonia d’apertura da Capitale Eurupea della Cultura 2016 per la spagnola San Sebastian . Per tutto l’anno la città offrirà infatti numerose proposte culturali incentrate su quattro temi: pace, vita, voci e conversazioni.Produzioni culturali che hanno l’obiettivo di dimostrare in quanti modi la cultura può contribuire alla costruzione di una società pluralista e pacifica che punta a una migliore convivenza attraverso il dialogo.
“Seguiremo con attenzione – fanno sapere dalla Fondazione Matera 2019 – come abbiamo già fatto con le città di Mons e Pilsen nel 2015, il lavoro svolto in Spagna e in Polonia, per portare la loro esperienza dentro il nostro lavoro quotidiano”.

 

 

Share Button