Policoro. Nella Chiesa del Buon Pastore due opere di Vincenzo D’Acunzo

Domenica 26 aprile, alle ore 18,30

D'Acunzo - NolèLa moderna chiesa del Buon Pastore di Policoro si apre per la prima volta all’inserimento dell’arte sacra figurativa tra le sue mura. Due grandi opere del maestro Vincenzo D’Acunzo, “La Pentecoste” (pala d’altare cm 350 x 180) e “Giovanni l’Evangelista” (cm 160 x 110), realizzati con l’acrilico su tavola, arricchiranno le pareti dell’importante luogo di culto della cittadina Jonica, collocata in piazza Segni, e affidata da sempre al parroco don Salvatore De Pizzo.

Domenica 26 aprile, alle ore 18,30, l’inaugurazione con lo svelamento e la benedizione dei dipinti, con l’intervento di mons. Francescantonio Nolè, vescovo della diocesi di Tursi-Lagonegro, che presiederà l’Eucaristia e concluderà poi anche la cerimonia di presentazione critica dei quadri, alla presenza dell’autore.

Il catalogo è stato redatto da don Giovanni Lo Pinto, direttore diocesano delle Comunicazioni sociali, che ha tracciato un’articolata lettura biblico-teologica dell’opera: “Con la dirompenza cromatica di D’Acunzo, ci troviamo nel Cenacolo che, forte della dolcezza dello Spirito Santo, si è spostato sui colli del Metapontino, in una stanza con quattro archi, da cui vedere, come in una fotografia, Tursi, Anglona e Policoro in due sezioni. Un evento ancora una volta in chiave ‘ripresentativa’, permettendo al mistero di attualizzarsi e lasciarsi vedere qui ed ora”.

Share Button