Nel libro di Antonello Marchitelli le inchieste dell’investigatore Gillo Armadillo

marchitelliMatera. Gillo Armadillo: potrebbe sembrare il nome di un cartone animato, in realtà il
protagonista della storia di Antonello Marchitelli è un  investigatore privato,
giovane benestante impiegato nell’ agenzia del padre non certo per attitudini
professionali. Un thriller ambientato a Bari in cui si mescolano ironia,
suspance e colpi di scena fino all’ultima pagina.
Gillo è frustrato e annoiato, a lui vengono affidati solo casi di poco conto,
ma la sua occasione di rivalsa arriva quando un cameriere cinese si rivolge a
lui per poter ritrovare la sua fidanzata misteriosamente scomparsa insieme ad
altri connazionali. Gillo, incapace di mettere in atto le giuste strategie
investigative,  fa presto a cacciarsi in un mare di guai mettendo spesso a
rischio la propria vita e confrontandosi con le forze dell’ordine, i sicari
della malavita barese e i mafiosi cinesi. Gillo  non ha il quinto senso e mezzo
del suo collega Dylan Dog né la determinazione di Marlowe, non è un supereroe,
ma un uomo molto più vicino a noi, più autentico. Che fine fanno i cinesi
scomparsi? Sarà Gillo a scoprirlo lasciando esterrefatti i lettori. Un libro
scorrevole e  che si legge tutto d’un fiato. Il bravo Marchitelli nella vita
liquidatore, alla decima pubblicazione per la Wip edizioni, ha presentato ieri
al Circolo Philos a Matera, città omaggiata nel  volume, il suo Gillo Armadillo
svelando al pubblico che presto potrebbero arrivare altri casi da risolvere
affidati all’investigatore barese.

Share Button