Mater Sacra, con la prima serata è subito trionfo di luci, suoni ed emozioni

MATERA – Giovedì santo, ore 20 e 30 circa. I chiaroscuri della sera, il naturale contrasto di luci e di ombre della murgia, piano piano cedono il passo al bianco e al rosso, ai giochi di luce di uno spettacolo unico nel suo genere, insieme suggestivo ed evocativo. È “Mater Sacra…ricordati di me”, che ogni sera fino a domenica vedrà protagonista il Belvedere di Murgia Timone, con la riproduzione della Cocifissione di Gesù e dei due ladroni. Nel video riportato nella pagina, siamo su uno degli affacci più suggestivi degli antichi rioni, nei pressi di Porta Pistola, da cui non è possibile non lasciarsi catturare, come è successo ieri sera, dal fascino di uno spettacolo che punta direttamente al cuore, soprattutto quando ad emergere dall’oscurità è il simbolo stesso della cristianità, la Croce. Non perché la componente religiosa sia l’unica chiave di lettura della rappresentazione. Non c’è dubbio che sia quella predominante, con i richiami forti ed espliciti alla cristianità: simboli, racconti e scenari sono quelli del Vangelo, evocati e sublimati dalla forza della coreografia, della tecnica luminosa, che tra l’altro si avvale di ben 200 fari, fra tradizionali e intelligenti. Ma qui a dominare davvero sono le emozioni, che questa potente miscela è in grado di suscitare, in ogni singolo spettatore, al li là del suo orientamento e del suo credo. Insomma, uno spettacolo da vedere e dal quale lasciarsi affascinare, come del resto hanno fatto gli spettatori che ieri hanno assistito alla prima e che non si sono lasciati scoraggiare dalla pioggia pomeridiana. Da vedere ma anche da ascoltare, grazie alla diffusione audio e alle voci degli undici doppiatori specializzati, che ieri hanno dato corpo ad alcuni dei più suggestivi passi del vangelo, dall’ultima cena all’orto degli ulivi. Non è naturalmente questa la sede per fare un’analisi dei costi benefici né di valutare la veridicità delle previsioni, che annunciavano, alla vigilia, fra le 4mila e le 6mila presenze giornaliere e le indiscrezioni sul tutto pieno, o quasi, nelle strutture ricettive. Tutto questo verrà ma dopo. Rimane per ora e ancora per tre sere fino a domenica, la possibilità di lasciarsi emozionare da uno spettacolo davvero da non perdere. Insomma prima il cuore e poi i numeri. E per lasciarsi suggestionare c’è ancora tempo. Dagli affacci dei Rioni Sassi, sarà ancora possibile assistere allo “Spettacolo Mater Sacra”, questa sera, alle ore 21 e 30. Di nuovo domani, con due spettacoli, rispettivamente alle 20 e 30 e alle 21 e 30. E infine domenica, con le “Suggestioni di luci e suoni”, dalle 20 alle 21 e 30.

 

Share Button