Il bilancio della Bit 2011 dai dati APT

foto oltrefreepress

Matera – Un prodotto turistico che sappia coniugare qualità e multimedialità, stimolando un viaggio fisico ma anche spirituale. E’ questo il percorso che la Regione Basilicata vuole intraprendere in campo ricettivo e tale è l’idea che ha fatto passare di se, quest’anno, durante l’annuale BIT di Milano, la Borsa internazionale del turismo tenutasi dal 17 al 20 di febbraio nel capoluogo lombardo. Grande è stato il riscontro di pubblico per lo stand delle Regione sopratutto in occasione della conferenza stampa istituzionale “Cinema in Basilicata e nuove forme di narrazione”: accreditati oltre 100 giornalisti. Testimonial delle bellezze made in Lucania: gli attori Rocco Papaleo e Antonio Gerardi, che hanno anche intrattenuto il pubblico presente con gag e performance musicali acustiche. Ampia anche la schiera istituzionale presente. Il presidente della Giunta regionale Vito De Filippo ha affermato che se il federalismo è responsabilizzazione di ogni comunità, una sfida sicuramente da intraprendere è quella della valorizzazione del territorio. Giampiero Perri, direttore generale dell’Apt, ha confermato la necessità di personalizzare sempre più l’offerta. Tra le novità presentate quest’anno: gli allestimenti polimediale del Castello di Lagopesole, del Complesso monumentale di Santa Maria d’Orsoleo a Sant’Arcangelo e, infine, il cosiddetto Sky Flyer di San Costantino Albanese una volo dell’angelo multiplo. Presentato il volume Set in Matera, la pubblicazione dedicata ai luoghi lucani del cinema che verrà pubblicata il prossimo autunno. Siglata l’Intesa tra il tesoriere dell’Associazione Genti di Lucania di Vigevano (PV), Michele Trufo e l’Assessore al Turismo per il Comune di Matera Elio Bergantino che hanno consolidato il gemellaggio tra i due Comuni. Bergantino ha annunciato un convegno di tutti i tour operator italiani, a Matera, per il mese di settembre, si è detto soddisfatto per lo status della nostra ricettività pur segnalando ogni tanto qualche piccola delusione. “La strada per la candidatura a capitale europea della cultura 2019 della città dei Sassi- ha detto – è un percorso di tutto il terrritorio”.

|
Share Button