Film commission: per il consigliere Braia la sede naturale è Matera

Il consigliere Luca Braia

Luca Braia

MATERA – “Matera è la sede naturale per un’unità interdipartimentale a sostegno dell’industria del cinema”: lo afferma il consigliere regionale del PD, Luca Braia, intervenendo del dibattito in corso sulla prossima istituzione di questa promanazione della Regione Basilicata che, tra le altre cose, contempla la Film Commission. In particolare, il consigliere si dice soddisfatto di quanto dichiarato pubblicamente giorni fa dal presidente De Filippo, nel corso del convegno sulla Cittadella della Cinema organizzato a Matera dall’associazione “Medeura”, in merito alla scelta di Matera come sede principale, in quanto luogo vocato per lo sviluppo del settore, che ha già investito e investirà risorse proprie in tal senso, attingendo dai fondi Pisus. A memoria di chi scrive, però, De Filippo ha esplicitamente affermato che Matera sarà sicuramente sede del futuro museo regionale del cinema, meno convinto è apparso sul dislocare, nella città dei Sassi, la sede di questa unità interdipartimentale. Possibili polemiche a parte, quindi, ciò che ora importa è il fatto che Braia, nell’analisi di questo provvedimento in seconda commissione, della quale fa parte, chiederà che l’istituto coordini e valorizzi le professionalità artistiche e tecniche già esistenti sul territorio, in particolare su quello materano e che le stesse siano chiamate a comporre un comitato tecnico-scientifico di supporto al Direttore della struttura. Ieri, intanto, il decreto istitutivo dell’unità interdipartimentale per il cinema ha avuto il via libera della prima commissione, che però ha formulato alcune osservazioni, riguardanti principalmente le modalità di reclutamento del personale, l’individuazione delle forme e modalità di “controllo” del responsabile della struttura, l’istituzione di una commissione di valutazione degli interventi e l’individuazione dei criteri di valutazione per la stessa.

 

Share Button